I libri sono come i vestiti: ogni tanto passano di moda. Passato il successo della novità, lungo o breve, alcuni titoli estremamente validi finiscono immobili sugli scaffali. Tuttavia, il loro valore e la loro bellezza rimangono intatti, pronti a conquistare nuovi lettori: ecco alcuni suggerimenti per chi ama trovare le "perle nascoste" in biblioteca.

Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2012

Trovati 3 documenti.

Follia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

McGrath, Patrick <1950->

Follia / Patrick McGrath ; traduzione di Matteo Codignola

Milano : Adelphi, 2012

Abstract: Una grande storia di amore e morte e della perversione dell'occhio clinico che la osserva. Dall'interno di un tetro manicomio criminale vittoriano uno psichiatra comincia a esporre il caso clinico più perturbante della sua carriera: la passione tra Stella Raphael, moglie di un altro psichiatra, e Edgar Stark, artista detenuto per uxoricidio. Alla fine del libro ci si troverà a decidere se la follia che percorre il libro è solo nell'amour fou vissuto dai protagonisti o anche nell'occhio clinico che ce lo racconta.

Pastorale americana
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Roth, Philip - Mantovani, Vincenzo

Pastorale americana

Einaudi, 27/11/2012

Abstract: Seymour Levov è un ricco americano di successo: al liceo lochiamano "lo Svedese". Ciò che pare attenderlo negli anniCinquanta è una vita di successi professionali e gioie familiari.Finché le contraddizioni del conflitto in Vietnam non coinvolgonoanche lui e l'adorata figlia Merry, decisa a portare la guerra in casa,letteralmente. Un libro sull'amore e sull'odio per l'America, suldesiderio di appartenere a un sogno di pace, prosperità e ordine,sul rifiuto dell'ipocrisia e della falsità celate in quello stesso sogno.

Stoner
5 1 0
Materiale linguistico moderno

Williams, John <1922-1994> - Williams, John <1922-1994>

Stoner / John Williams ; postfazione all'edizione italiana di Peter Cameron ; traduzione di Stefano Tummolini

Roma : Fazi, 2012

Abstract: William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)